Le vendite eCommerce diminuiranno

Home 9 Gdo news 9 Le vendite eCommerce diminuiranno

30 Giu 2020

La pandemia da COVID-19 che ancora oggi costringe a chiusure e limitazioni molte attività commmerciali nel mondo, ha spinto un numero record di utenti verso l’e-commerce. Le vendite online al dettaglio hanno visto una crescita senza precedenti anche per gli acquisti di base (alimentari, farmaci…). Tuttavia, secondo uno studio del portale emarketer.com, questa crescita, già nel 2020, subirà una rapida frenata. Una rivincita degli store fisici? Sono tanti i fattori che vanno ad influenzare questo rallentamento, di certo la crescita enorme dell’e-commerce registrata negli ultimi mesi era dovuta a fattori esterni e e non prevedibili e, allo stesso, tempo, va considerato il desiderio degli utenti, laddove la pandemia ha rallentato, di uscire e tornare a frenquentari luoghi pubblici e di socialità, tra i quali gli esercizi commerciali. E’ quindi un anno particolare, le cui stime risultano influenzate da fattori imponderabili.

Previsioni 2020 per l’e-commerce

Secondo emarketer.com, a livello mondiale le vendite al dettaglio tramite e-commerce rallenteranno fino ad attestarsi a un tasso di crescita del 16,5% (sempre alto, ma in calo rispetto al 20,2% del 2019). Si prevede un fatturato complessivo di 3,914 trilioni di dollari. Analizzando le singole nazioni si andrà a rilevare una flessione anche nei due mercati che, negli ultimi anni, hanno trainato questo settore: Cina e India. Va rilevato come, le previsioni fatte prima della pandemia, vedevano una stima di crescita globale dell’e-commerce al dettaglio del 18,4%, quindi due punti in più della visione attuale.

Quali paesi e aree del mondo vedranno la maggiore espansione dell’e-commerce?

Filippine, Malesia e Spagna sono le nazioni nelle quale si prevede il maggior incremento di acquisti al dettaglio online. Nove nazioni vedranno una crescita di oltre il 20% delle vendite su internet, tutti stati colpiti duramente dal Coronavirus e che vedono una sostanziale accelerazione dell’e-commerce rispetto al 2019. A livello di macroaree le regioni Asia-Pacifico e Nord America guidano le stime. L’Asia-Pacifico rappresenterà il 42,3% delle vendite al dettaglio complessive (non solo online) in tutto il mondo, il Nord America il 22,9%, l’Europa occidentale si attesterà al 16,2%. Se ci si limita all’e-commerce, la posizione dominante della Cina fa sì che il 62,6% di tutte le vendite digitali sarà in Asia-Pacifico. Il Nord America e l’Europa occidentale restano distanti, con il 19,1% e il 12,7%.

Fonte: emarketer.com

Ragazza acquista su internet

Altre notizie

Tavernello si rifà il look

Tavernello si rifà il look

Tutti conosciamo il Tavernello, il vino "in cartone" (Tetra Pack) che da oltre 35 anni è sulla tavola degli italiani, sfidando i luoghi comuni in un settore, quello del vino, molto legato alle tradizioni. Prodotto da Caviro, una cooperativa di viticoltori con migliaia...

Coop da 16 anni aderisce a M’illumino di meno

Coop da 16 anni aderisce a M’illumino di meno

Da ben 16 anni Coop aderisce a "M’illumino di meno", la Giornata del risparmio energetico e degli stili di vita sostenibili lanciata da Caterpillar e Radio2 nel 2005. Quest'anno la data è quella di venerdì 26 marzo 2021 e ha come tema il "Salto di specie", ovvero...

Amazon fresh sbarca a Roma

Amazon fresh sbarca a Roma

Dopo il lancio a Milano, un mese fa, sbarca anche a Roma Amazon Fresh, il servizio di consegna spesa in giornata curato dal colosso dell'online. Amazon al momento riserva questo servizio ai clienti Amazon Prime, abbonamento annuale che permette consegne più veloci,...

Packaging, le tendenze 2021

Packaging, le tendenze 2021

Quello del packaging, come tutti gli altri settori, vive di tendenze, mode ed evoluzioni in base al mercato, ai gusti dei consumatori che cambiano, ad esigenze di logistica e modifiche per adeguarsi alle normative. Noi di S.O.S. Graphics viviamo in prima fila questo...

Anche la CIA si rifà il logo

Anche la CIA si rifà il logo

Tanti dubbi attorno al nuovo logo della CIA, l'agenzia di intelligence statunitense. Basta guardare in rete per capire come il nuovo logo abbia sollevato molte discussioni. Intanto, come è giusto che sia per un'agenzia che si occupa di servizi segreti, il segreto è...

General Motors: nuovo logo guardando al futuro

General Motors: nuovo logo guardando al futuro

Dopo oltre mezzo secolo General Motors, storica casa automobilistica di Detroit, cambia logo per venire incontro alle nuove tendenze della mobilità elettrica. General Motors possiede marchi tra i quali Chevrolet, GMC e Cadillac e si è impegnata a diventare leader nel...

Kia motors svela il suo nuovo logo

Kia motors svela il suo nuovo logo

Novità per Kia motors in questo inizio del 2021, la casa automobilistica sudcoreana ha rivelato il suo nuovo logo aziendale, comprensivo di payoff (Movement that inspires). L'introduzione del nuovo logo, come si legge nel comunicato ufficiale, rappresenta l'ambizione...

Pfizer si rifà il look

Pfizer si rifà il look

Proprio mentre ha gli occhi di tutto il mondo puntati addosso, per via del vaccino anti-Covid, Pzifer, la nota casa farmaceutica statunitense, mette in atto un'importante operazione di rinnovamento grafico del logo. Pfizer è stata fondata a New York nel 1849 da...

Nuovo logo per Burger King

Nuovo logo per Burger King

Nuovo logo per la catena di fast food Burger King. L'ultimo restyling del logo risaliva a vent'anni fa e questa nuova versione è un ritorno al passato e alla centralità del progetto: il cibo, o meglio, l'hamburger. Il progetto del nuovo logo è stato eseguito dallo...

2021, mi rifaccio il logo

2021, mi rifaccio il logo

Crisi? Covid-19? La cosa migliore è dare un colpo di spugna a ciò che è vecchio è ripartire. Devono aver pensato così alcune delle aziende (e relativi marchi) più conosciuti al mondo in un 2021 che si apre con il restyling del logo di alcuni dei più noti brand sul...

Pin It on Pinterest

Share This