Carrefour: una blockchain per garantire la filiera alimentare

Home 9 Gdo news 9 Carrefour: una blockchain per garantire la filiera alimentare

9 Lug 2020

E’ operativa dal 2018 quella che è stata la prima blockchain alimentare nel mondo della GDO, creata da Carrefour per il pollo di fattoria d’Alvernia. Quando si parla di blockchain si intende un database non falsificabile che rende trasparente e accessibile ai consumatori ogni fase della produzione di un lotto di alimenti, basta usare uno smartphone per avere tutte le informazioni sotto mano. E’ stato necessario un anno di lavoro di un team di 7 persone per raggiungere questo risultato che, già esteso alla filiera degli agrumi, Carrefour entro il 2022 utilizzerà per moltre altre filiere.

Cosa significa tracciare un prodotto lungo tutta la filiera?

In un mondo pieno di informazioni, dove quello che viene promesso non sempre corrisponde al vero, i consumatori sono vittime di molteplici frodi alimentari che minano la loro fiducia nei confronti di ciò che mangiano. Per questo motivo è importante essere credibili e trasparenti, rassicurando il cliente sull’origine e sulla qualità del prodotto che sta acquistando. Tuttavia, le filiere già in essere nel settore erano soggette al rischio di frodi o manomissioni, sono stati molti, infatti, gli scandali venuti alla luce negli ultimi anni. L’aspetto rivoluzionario introdotto da Carrefour è quello di aver creato un registro digitale criptato che archivia in modo certo, e non modificabile, le informazioni. Il cliente, attraverso un codice QR può visualizzare questi dati sullo smartphone nel momento in cui acquista il prodotto.

Qual è la novità introdotta da Carrefour?

Carrefour è la prima azienda della Grande Distribuzione Organizzata a certificare il proprio processo produttivo, dall’allevamento alla tavola dei clienti, con la tecnologia Blockchain, un registro distribuito e immodificabile.

Come funziona il processo di certificazione della filiera? Il caso del pollo di Alvernia

Vediamo nello specifico, in ognuna delle quattro fasi della filiera, quali informazioni vengono registrate e messe a disposizione dei clienti.

Passaggio 1: Incubazione

  • Nome e ubicazione dell’incubatoio nel quale il pulcino è nato.
  • Data di nascita.
  • Data in cui viene trasferito all’allevatore.

Passaggio 2: L’allevamento

  • Nome e ubicazione dell’allevatore.
  • Data di arrivo presso l’allevatore.
  • Data di invio al macello.
  • Certificazione del veterinario riguardo l’assenza di antibiotici.
  • Certificazione della fabbrica dei mangimi riguardo il dettaglio della composizione degli stessi e l’assenza di OGM.
  • Attestazione del marchio di qualità Label Rouge da parte della società Certipaq.

Passaggio 3: Macellazione e trasformazione

  • Il macello indica l’identità, il numero di lotto e la data di partenza verso il deposito Carrefour e la data di scadenza.

Passaggio 4: La distribuzione

  • Il deposito Carrefour registra la data di arrivo delle partite.
  • Sempre nel deposito viene registrata la data di consegna ai punti vendita.

 

Altre notizie

Tavernello si rifà il look

Tavernello si rifà il look

Tutti conosciamo il Tavernello, il vino "in cartone" (Tetra Pack) che da oltre 35 anni è sulla tavola degli italiani, sfidando i luoghi comuni in un settore, quello del vino, molto legato alle tradizioni. Prodotto da Caviro, una cooperativa di viticoltori con migliaia...

Coop da 16 anni aderisce a M’illumino di meno

Coop da 16 anni aderisce a M’illumino di meno

Da ben 16 anni Coop aderisce a "M’illumino di meno", la Giornata del risparmio energetico e degli stili di vita sostenibili lanciata da Caterpillar e Radio2 nel 2005. Quest'anno la data è quella di venerdì 26 marzo 2021 e ha come tema il "Salto di specie", ovvero...

Amazon fresh sbarca a Roma

Amazon fresh sbarca a Roma

Dopo il lancio a Milano, un mese fa, sbarca anche a Roma Amazon Fresh, il servizio di consegna spesa in giornata curato dal colosso dell'online. Amazon al momento riserva questo servizio ai clienti Amazon Prime, abbonamento annuale che permette consegne più veloci,...

Packaging, le tendenze 2021

Packaging, le tendenze 2021

Quello del packaging, come tutti gli altri settori, vive di tendenze, mode ed evoluzioni in base al mercato, ai gusti dei consumatori che cambiano, ad esigenze di logistica e modifiche per adeguarsi alle normative. Noi di S.O.S. Graphics viviamo in prima fila questo...

Anche la CIA si rifà il logo

Anche la CIA si rifà il logo

Tanti dubbi attorno al nuovo logo della CIA, l'agenzia di intelligence statunitense. Basta guardare in rete per capire come il nuovo logo abbia sollevato molte discussioni. Intanto, come è giusto che sia per un'agenzia che si occupa di servizi segreti, il segreto è...

General Motors: nuovo logo guardando al futuro

General Motors: nuovo logo guardando al futuro

Dopo oltre mezzo secolo General Motors, storica casa automobilistica di Detroit, cambia logo per venire incontro alle nuove tendenze della mobilità elettrica. General Motors possiede marchi tra i quali Chevrolet, GMC e Cadillac e si è impegnata a diventare leader nel...

Kia motors svela il suo nuovo logo

Kia motors svela il suo nuovo logo

Novità per Kia motors in questo inizio del 2021, la casa automobilistica sudcoreana ha rivelato il suo nuovo logo aziendale, comprensivo di payoff (Movement that inspires). L'introduzione del nuovo logo, come si legge nel comunicato ufficiale, rappresenta l'ambizione...

Pfizer si rifà il look

Pfizer si rifà il look

Proprio mentre ha gli occhi di tutto il mondo puntati addosso, per via del vaccino anti-Covid, Pzifer, la nota casa farmaceutica statunitense, mette in atto un'importante operazione di rinnovamento grafico del logo. Pfizer è stata fondata a New York nel 1849 da...

Nuovo logo per Burger King

Nuovo logo per Burger King

Nuovo logo per la catena di fast food Burger King. L'ultimo restyling del logo risaliva a vent'anni fa e questa nuova versione è un ritorno al passato e alla centralità del progetto: il cibo, o meglio, l'hamburger. Il progetto del nuovo logo è stato eseguito dallo...

2021, mi rifaccio il logo

2021, mi rifaccio il logo

Crisi? Covid-19? La cosa migliore è dare un colpo di spugna a ciò che è vecchio è ripartire. Devono aver pensato così alcune delle aziende (e relativi marchi) più conosciuti al mondo in un 2021 che si apre con il restyling del logo di alcuni dei più noti brand sul...

Pin It on Pinterest

Share This